Madre Giacinta Zahalka — 10 marzo 1912-2012

In tutta la Congregazione il 10 marzo le suore si sono fermate per ricordare il centenario della morte di Madre Giacinta Zahalka, prima superiora generale della congregazione nel suo ramo boemo. Dopo aver guidato la congregazione nascente dal 1888 al 1910 ha preso un breve periodo di riposo e poi è partita per gli Stati Uniti dove indagava sulla possibilità di mandare delle suore per svolgere la pastorale fra gli immigrati, soprattutto quelli della Slovacchia, Boemia e Moravia. Dopo una breve malattia è morta a Pittsburgh, Pennsylvania il 10 marzo 1912.


***


Missione francescana ad Ostrava dal 26 settembre –
al 2 ottobre

L'ultima settimana del mese di settembre la città di Ostrava era inondata dai missionari sotto la guida dei francescani. I missionari offrivano nelle strade un approccio con Cristo e con la fede.

Loro si rivolgevano alla gente nelle strade, nelle scuole elementari e medie; sono andati dai malati e seniori nelle Case dei seniori, hanno visitato ex carcerati, Rom (zingari), uomini senza tetto. Non hanno tralasciato nemmeno la "famosa" via Stodolní. Sono riusciti a rivolgersi a migliaia di persone.

Offrivano un incontro nella caffetteria con la possibilità di un colloquio oppure una possibilità di preghiera d' intercessione per qualsiasi problema oppure difficoltà. Nel programma era inclusa anche la preghiera della lode con il gruppo Efrem, preghiera ecumenica per la città di Ostrava, teatro "Pastore ferito", adorazione vespertina collegata con pantomima, danza scenica, testimonianza personale, meditazione e preghiera per la guarigione interna.

Lo sforzo dei missionari non ha lo scopo di convincere qualcuno, ma nella libertà dare la testimonianza, che anche nel mondo odierno, cosi frettoloso, esiste la gente, che non guarda soltanto a se stessa e il guadagno, ma vive secondo il regolamento di Dio. Certamente non si tratta di una propaganda. I missionari piuttosto volevano condividere con la gente quello che vivono, che li compenetra, che li fa felici, gli da la pace dell'anima; che è per loro Gesù.

La missione era appoggiata dalle parrocchie di Ostrava, dalle preghiere degli ascoltatori di Radio Proglas. L'appello agli ascoltatori l'ha fatto il vescovo Lobkowicz durante la santa messa di apertura. Alle preghiere si sono aggiunti anche gli Ordini contemplativi e tanti amici dei missionari. Tutti dell'equipe hanno affermato, che lo sentivano. Cosi molti incontri e attività erano per cosi dire preparati prima.

La missione francescana ad Ostrava è conclusa, ma soltanto per l'equipe. Pra lì rimangono i cristiani locali e la porta aperta delle chiese e delle case parrocchiali. E soprattutto rimane aperto il cuore di ognuno, che in questi giorni si pone la domanda sull' esistenza di Colui, che è Amore.